ItalianoEnglish繁體中文EspañolFrançaisفارسیPortuguêsDeutsch

WikiLane – Come i cittadini hanno costruito la pista ciclabile

Foto-6

Questo articolo è anche disponibile in: Inglese, Cinese tradizionale

Nel 2007, il governo della Città del Messico ha promesso di costruire 300 km di piste ciclabili intorno alla città entro il 2012. Tuttavia, la città ne ha ancora solo 22,2 km perché la maggior parte dei fondi viene assegnata alle infrastrutture per l’auto a danno della mobilità non-motorizzata. È la ragione per la quale l’Istituto per la Politica dei Trasporti e di Sviluppo e la Rete Nazionale per la Mobilità Ciclistica Urbana (BiciRed) hanno lanciato una campagna chiamata “5% per le biciclette e i pedoni” che chiede ai legislatori nazionali di assegnare almeno questo percentuale del budget dei trasporti alle infrastrutture per tale mobilità.

Il 20 ottobre, per promuovere questa campagna e spingere i legislatori ad agire, diverse organizzazioni ciclistiche e pedonali hanno deciso di dipingere la loro personale pista per biciclette davanti al Congresso.  Era il nostro modo per mostrare che creare infrastrutture di qualità richiede proprio poco denaro e tempo. Volevamo mostrare che i governi hanno solo bisogno di volontà per promuovere i trasporti non-motorizzati. Tuttavia, quella pista ciclabile è stata efficientemente cancellata solo due giorni dopo che l’abbiamo dipinta e nessun rappresentante della città se ne è assunto la responsabilità.

Si capisce facilmente che eravamo tutti arrabbiati, quindi abbiamo deciso di rifarla da capo ma migliore. Ci siamo fissati lo scopo di dipingere una pista ciclabile di 5 km con fine al Congresso, la Wikicarril (Wikipista). Abbiamo finanziato il nostro sforzo tramite Fondeadora, un sito di finanziamento cooperativo e siamo riusciti a raccogliere 13500 pesos (circa 770 euro) in solo 4 giorni, grazie alla collaborazione di 37 sostegni generosi.

Abbiamo comprato vernice, pennelli e rulli. Abbiamo fabbricato segnali di legno. Abbiamo preso in prestito un triciclo per portare tutto, chiamato le persone che conoscevamo e chiesto loro di venire a aiutarci. E la domenica 6 novembre, eravamo pronti a cominciare a dipingere.

 

Abbiamo lavorato a catena. Alcuni hanno tracciato i triangoli di priorità e spazzato il suolo per assicurarsi che fosse pulito. Un altro gruppo ha dipinto i triangoli di verde. C’era un gruppo che aveva l’incarico di dipingere i dettagli e la legenda PRIORITA’ in bianco. Alcuni hanno appeso i segnali sui pali dei lampioni. Altre persone facevano avanti e indietro per la strada per assicurarsi che ogni gruppo aveva abbastanza materiale, vernice, stampi e acqua sulle loro bici. Una volta finito ogni triangolo, siamo andati avanti con tutto il nostro materiale.

Eravamo numerosi, circa 80 persone, divise in gruppi lungo alla strada. Organizzazioni ciclistiche ci hanno raggiunti. Certi avevano sentito parlare dell’evento su Twitter o Facebook e ci siamo incontrati lì. Altri sono venuti con la famiglia.

 

Era molto gratificante vedere la comunità accogliere il nostro sforzo così. Abitanti del quartiere ci hanno detto che c’era veramente bisogno di questo e che dovremo dipingere di più. Certi degli utenti lungo alla strada si sono fermati per sostenerci moralmente.

Quando siamo finalmente arrivati al Congresso, abbiamo dovuti dipingere di nuovo i nostri sforzi che erano stati cancellati. A questo punto, per la prima volta è arrivata la polizia. Abbiamo parlato con loro per un momento e come ogni volta gli spieghiamo che stiamo facendo il lavoro che il governo avrebbe dovuto fare.

Dopo che la polizia se ne è andata, ci siamo messi subito a dipingere l’ultimo triangolo di priorità della giornata. Ovviamente, eravamo stanchissimi alla fine, ma ne valeva assolutamente la pena.

Abbiamo lavorato per 8 ore. Abbiamo dipinto 5 km. Abbiamo speso meno di 800 euro. Quanto costerebbe costruire effettivamente le infrastrutture ciclabili di cui la città ha bisogno?

 

Traduzione a cura di Jérôme Denis

Revisione a cura di Eleonora Taramanni